Archivio per maggio 2008


Twitter alla conquista del globo

martedì, 27 maggio 2008

Ebbene sì, dopo una lunga fase di perplessità, sono stato anch’io conquistato da Twitter, più per la sua affascinante e onesta inutilità che per altro. 🙂 E’ una delle applicazioni del web 2.0 più in voga assieme a Facebook & co., supportata da un sito web facilissimo da navigare e di immediato impatto visivo e concettuale. In buona sostanza Twitter serve per comunicare ai tuoi amici e se vuoi al mondo intero cosa stai facendo in un preciso momento della giornata. Poi sta a ognuno di noi scegliere, ovviamente, cosa scrivere nei 140 caratteri disponibili per ogni Tweet, che in italiano significa cinguettìo.

Non lo uso molto, a dire il vero, perché principalmente è un passatempo e l’utilità può essere dubbia, quando esistono tanti altri mezzi di comunicazione. D’altra parte però è interessante l’integrazione che si può ottenere fra tutti questi servizi, in modo che comunichino fra di loro: una modifica dello stato di Twitter può riflettersi in quello di Facebook e infine sul proprio blog (probabilmente metterò un box anche qui, nella barra laterale). Il tutto può essere seguito tramite feed RSS: se non sapete cosa sono i feed, consiglio un’attenta lettura di questo articolo.

Di sicuro interesse, per chi usa il Mac e Twitter, è l’applicazione Twitterrific, che permette di modificare il messaggio di stato, e di seguire gli aggiornamenti dei Tweet dei propri amici direttamente dallo snello programmino piuttosto che dal sito web.

Se finora avete capito poco o nulla di quanto detto finora, o se Twitter non vi ha colpito affatto, provate a fare un salto su Twittervision: non è spettacolare? E della versione 3D che mi dite? 🙂

Unione benedetta? Sicuramente ispirata…

domenica, 25 maggio 2008

Una delle migliori canzoni degli anni Novanta.

Impiegati e dirigenti

venerdì, 23 maggio 2008

Un tipo sta guidando la macchina, quando a un certo punto capisce di essersi perso. Avvista un signore che passa per strada, accosta al marciapiede e gli grida:

«Mi scusiii, mi potrebbe aiutare? Ho promesso a un amico di incontrarlo alle due, sono in ritardo di mezz’ora e non so dove mi trovo…»

«Certo che posso aiutarla. Lei si trova in un automobile, a 44° 30′ 18” di latidudine Nord e 18° 36′ 20′ di longitudine Est, sono le 12 e 23 primi e 35 secondi e oggi è lunedi 7 aprile 2008 e ci sono 20,3 gradi centigradi.»

«Lei è un impiegato?» chiede quello dentro l’automobile.
«Certamente! Come fa a saperlo?»

«Perché tutto quello che mi ha detto è tecnicamente corretto, ma praticamente inutile. Infatti non so che fare con l’informazione che mi ha dato e mi ritrovo ancora qui perso per strada!»

«Lei allora deve essere un dirigente, vero?» risponde stizzito l’impiegato.
«Infatti lo sono. Ma da che cosa l’ha capito?»

«Abbastanza facile: lei non sa dove si trova, né come ci è arrivato, né tanto meno dove andare, ha fatto una promessa che non sa assolutamente mantenere ed ora spera che un altro le risolva il problema; di fatto è esattamente nella situazione in cui si trovava prima che ci si incontrasse… ma adesso, per qualche strano motivo… risulta che la colpa è mia!»

I profumi della natura

mercoledì, 21 maggio 2008

Le piogge torrenziali degli ultimi giorni hanno reso sicuramente felici gli allergici ai pollini (io preferisco il sole ed un clima primaverile, per quest’anno è andata così… 😉 ).

Ma non è solo la pioggia a fare da antagonista alla diffusione di pollini ed insetti, leggete questo articolo di Repubblica.

Il nemico principale rimane l’inquinamento atmosferico in città, come già notai qualche tempo fa, senza bisogno di conferme ufficiali.

Siamo addirittura al paradosso:

Mentre il marketing copia la natura, con le boutique elettroniche della Sony che vengono aromatizzate usando le essenze di vaniglia e mandarino e gli hotel Sheraton che attirano i clienti avvolgendoli nelle fragranze del gelsomino, il modello da cui originano i profumi si perde. E’ come se il mondo urbanizzato, in forte espansione, creasse un muro di interferenze chimiche che disturba il viaggio dei profumi.

Verso la luna?

domenica, 18 maggio 2008

Verso la luna?

Facebook

venerdì, 16 maggio 2008

Ho fatto un po’ d’ordine, tolto le applicazioni meno utilizzate e reso la pagina più snella (certo, rispetto al minimalismo grafico di questo sito non c’è paragone!)… 😉

Se non sapete di cosa sto parlando: www.facebook.com, è una delle comunità virtuali più famose, supportata da un sito molto ben realizzato tecnicamente. Per chi è già iscritto, invece, e vuole aggiungermi tra gli amici, il link è questo.

Molto interessante la nuova applicazione sui libri (quelli in corso di lettura, da leggere e già letti) e l’applicazione sulla musica (iLike). Forse ho trovato qualcosa di simile da mettere qui sul blog. Mi piace poter scambiare pareri con altra gente su libri, film e musica preferiti.

Di recente Facebook è stato tradotto in varie lingue, compreso l’italiano: personalmente lo preferivo in inglese. Non per esterofilia o snobismo, ma perché in molte delle community di lingua italica (netlog, badoo, ecc., per citare solo le più famose) il livello degli scambi fra gli utenti tende mediamente verso il basso… gente che neanche sa mettere due parole in fila lascia a volte certi commenti mozzafiato. Provare per credere! 🙂

Niente coatti su Facebook, please! 😛

Dal Galles con ardore

mercoledì, 14 maggio 2008

Rimaneggiando un po’ il titolo di un film che vede protagonista un famosissimo e bravo attore scozzese, ecco un’altra ragazza che va molto forte… 😉

Usenet: la fine di una lunga stagione

sabato, 10 maggio 2008

Chi ha curiosato tra le sezioni del mio vecchio sito ha notato probabilmente che ce n’è una dedicata a Usenet, il mondo dei newsgroup, in cui spiego cosa sono, che utilità hanno e come utilizzarli.

Sono stato un assiduo frequentatore di alcune aree, fra cui quelle di maggiore interesse relative al Mac, al cinema, ai libri, ai fumetti.

Se inizialmente questi erano luoghi non troppo affollati ed indubbiamente interessanti, questa mia curiosità (dopo quasi 10 anni di partecipazione) si è andata spostando e ormai è rivolta, per le stesse tematiche, direttamente alla rete e ai forum, strumenti sicuramente con diverse modalità di consultazione ma di utilità pressoché equivalente.

Forse ciò che mi ha fatto allontanare dai ng, che in certi periodi ho seguito con grande intensità, è stato l’aumentare vertiginoso degli utilizzatori e quindi anche del traffico: troppe informazioni, molte delle quali inutili, per cui si perdeva più tempo a fare la scrematura del superfluo che a dedicarsi alla lettura alle discussioni di reale interesse.

Inoltre mentre la struttura narrativa del topic in un forum è lineare, ovvero si risponde l’uno dopo l’altro (citando l’autore o gli autori precedenti), nei thread dei newsgroup è ad albero: lo sviluppo di una discussione quindi, e dei relativi ‘rami’, rischia di essere rapidissimo e di andare in mille direzioni diverse (compresi flame o sterili polemiche fra i poster), molte delle quali nulla hanno a che fare con il tema iniziale (la radice, ovvero il post che ha originato il thread).

Ad ogni modo non escludo di tornarci un giorno o l’altro… a volte consulto i newsgroup tramite le ricerche di Google Gruppi, ma per ora mi limito a questo: non ho tempo per scaricare e leggere migliaia di topic al giorno, quindi utilizzo le ricerche dirette dei motori di ricerca o navigo su alcuni forum meno trafficati.

In conclusione devo aggiungere (last but not least!) che Usenet non è stata solo fonte di arricchimento culturale, ma anche un ottimo posto in cui stringere solide e durature amicizie. Alcuni dei miei lettori sono fra queste, e quindi colgo l’occasione per salutarli qui: il filone (o thread che dir si voglia) nato su un newsgroup continua idealmente sui blog o per altre vie… 😉

Nell’era del Leopardo

mercoledì, 7 maggio 2008

Ora ci sono anch’io… 😉


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: