Archivio per gennaio 2016


La classe itinerante

domenica, 31 gennaio 2016

La 2ª C era una classe itinerante. A causa del sovrannumero di iscritti al liceo, circostanza che ai tempi odierni sarebbe piuttosto inusuale, le aule si utilizzavano a rotazione: ogni giorno ne avevamo una differente.

Un lunedì al primo padiglione (il primo costruito del Pasteur), un martedì al terzo (poi demolito), con aule fatiscenti, pioggia dal tetto e pavimenti di linoleum, un mercoledì in un’auletta minimalista in cui stavamo tutti abbastanza stretti (e in cui era ancora più difficile copiare ai compiti in classe), un giovedì in un’aula normale del secondo padiglione, il nostro vero padiglione d’appartenenza (dove siamo stati in tutti gli altri anni), un venerdì in un’auletta ancora più stretta di quella del mercoledì in cui era quasi surreale star tutti in fila sui banchi ad ascoltare le lezioni di inglese (e lanciavamo aeroplanini di carta per scaricare lo stress), il sabato di nuovo al terzo padiglione diroccato, ma in un’altra aula.

Non so se ho elencato bene posti e giorni, ma una cosa la ricordo sicuramente: la prima domanda che ti facevi la mattina quando arrivavi a scuola, ancora insonnolito, era: “ed oggi in quale aula siamo?”. 😉

secondo liceo

Colloqui di lavoro

venerdì, 22 gennaio 2016

a working day

Certi colloqui di lavoro sono imbarazzanti. Dipende, ancora una volta, dalle persone. Selezionatori poco preparati, empatici, gentili, insomma… Ce n’è per tutti i gusti. Non una presentazione dell’azienda, non cercano di coinvolgerti ma ti fanno domande con stile interrogatorio del Terzo Reich, senza dir nulla di sé, cosa ti offrono, di cosa si occupa la loro azienda.

E poi ci sono i cacciatori di teste. Quelli ve li raccomando. Sono i peggiori (esistono anche all’estero). Ti telefonano agli orari più improbabili, ti martellano se non rispondi e quando ci parli ti ritrovi il solito stile inquisitorio e aggressivo, per sapere se sei ‘adatto’ a loro e alla loro mentalità, se ti possono usare. Per i cacciatori di teste sei solo qualcuno da rivendere al cliente, ti offrono il solito lavoro da schiavo e la loro società guadagna sul tuo lavoro senza far nulla.

Odio questo sistema fatto di subappalti, di sfruttamento, di arroganza e di poca educazione. E’ difficile purtroppo trovare persone serie, preparate e gentili quando ti interfacci col mondo del lavoro italiano. Un’arma l’abbiamo però: selezionare anche noi. Capire chi abbiamo di fronte e cosa ha da offrirci. Perché anche il lavoratore ha (molto) da offrire. Io dico sì al lavoro e no alla schiavitù.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: